X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

I consulenti del lavoro chiedono la proroga del modello 770 al 30 novembre

/ REDAZIONE

Martedì, 6 ottobre 2020

x
STAMPA

Con una lettera indirizzata al Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, la Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone, chiede la proroga del termine per presentare il modello 770 al 30 novembre, in luogo del 31 ottobre. Gli studi professionali sono infatti costantemente impegnati nell’assistere le imprese e i lavoratori con i diversi adempimenti legati ai trattamenti di cassa integrazione salariale connessa all’emergenza sanitaria da COVID-19.

In particolare, sottolinea la presidente Calderone, la circ. INPS n. 115, pubblicata lo scorso 30 settembre, ha annunciato lo slittamento al 31 ottobre dei termini per l’invio delle domande relative ai trattamenti di CIGO, assegno ordinario, CIG in deroga e CISOA, determinando così una coincidenza con la scadenza del termine previsto per l’invio del modello 770.
Questa sovrapposizione di termini rende ancor più difficoltoso lo svolgimento dell’attività degli studi professionali.

Pertanto, con la presente lettera, tenuto conto che la presentazione del modello 770 non rappresenta alcune ricaduta in termini di gettito, ma costringe il professionista ad un lavoro preciso e attento, viene richiesta la proroga al 30 novembre.
Tale proroga potrà consentire ai professionisti di dedicare le prossime settimane alla predisposizione dei documenti amministrativi che consentano alle aziende di accedere agli ammortizzatori sociali COVID-19.

TORNA SU