X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Il commercialista risarcisce anche la maggiore imposta pagata dal cliente

È dovuta, oltre alle sanzioni, se è stata causata da negligenza

/ REDAZIONE

Mercoledì, 21 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il commercialista negligente è tenuto a risarcire anche la maggiore imposta versata dal cliente, se il pagamento di un importo maggiore è dovuto al non corretto svolgimento dell’incarico.

Con l’ordinanza n. 22855, depositata ieri, la Cassazione ha censurato la decisione della Corte d’Appello, che aveva parametrato il risarcimento del danno alle sanzioni irrogate al cliente a seguito di accertamento, senza tenere in considerazione la maggiore imposta versata a causa della negligenza del professionista.

Nel caso di specie, il commercialista era stato condannato a risarcire il danno per responsabilità professionale a causa di carenze emerse nella tenuta della contabilità della società cliente: il professionista non aveva informato la cliente della necessità di procurarsi e allegare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU