X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

NOTIZIE IN BREVE

Contributi comunali per il coronavirus con tassazione ordinaria

/ REDAZIONE

Giovedì, 22 ottobre 2020

x
STAMPA

Con la risposta interpello n. 494 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i contributi economici erogati una tantum dal Comune in favore di alcune imprese del proprio territorio, soggette a chiusura durante l’emergenza sanitaria determinata da COVID-19, scontano il trattamento fiscale ordinario, posto che, a differenza del contributo a fondo perduto ex art. 25 del DL 34/2020, non sussiste un’espressa previsione di esclusione da imposizione.

Il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 25 del DL 34/2020, infatti, per espressa previsione normativa non concorre alla formazione della base imponibile, ai fini IRES ed IRAP e, pertanto, non è soggetto alla ritenuta prevista dall’art. 28 del DPR 600/73.
Il medesimo trattamento non può essere applicato ad altre fattispecie in ragione della circostanza che le norme di esenzione in materia tributaria, per effetto della loro natura derogatoria di carattere speciale, sono di stretta interpretazione.
Ciò posto, in assenza di una espressa previsione di legge che escluda la rilevanza ai fini delle imposte sui redditi dei contributi pubblici, occorre far riferimento alle ordinarie regole che ne disciplinano la tassazione diretta.

Nel caso di specie, il contributo deliberato dal Comune è rivolto alle imprese a conduzione familiare, la cui mancata attività economica comporta una grave crisi finanziaria e sociale, assumendo la caratteristica di intervento sociale a sostegno di situazioni di bisogno e non al reddito di impresa. Detto contributo non è quindi diretto all’acquisto di beni strumentali, bensì si sostanzia in un sostegno economico straordinario alle imprese.
Tale contributo, in assenza di disposizioni in senso contrario, assume quindi rilevanza ai fini delle imposte sui redditi e, al momento dell’erogazione, è quindi assoggettato alla ritenuta a titolo d’acconto nella misura del 4% ai sensi dell’art. 28 del DPR 600/73.

TORNA SU