Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Corretta numerazione della fattura solo se c’è sequenzialità

Eventuali «salti data» risulterebbero incompatibili con la normativa vigente

/ Luca BILANCINI

Venerdì, 30 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un sistema che preveda l’istituzione di un numero di fattura composto da otto cifre rappresentanti il giorno di emissione (es. 20200601, 20200602, 20200603, ecc.) e da un ulteriore codice progressivo esadecimale (0001, 0002, …, 000A, ecc.), non risulta compatibile con il requisito della “sequenzialità” richiesto, in primis, dalla direttiva comunitaria e, in subordine, dalla normativa nazionale.
L’Agenzia delle Entrate con risposta a interpello n. 505, pubblicata nella giornata di ieri, è giunta a tale conclusione, analizzando il tema della numerazione delle fatture.

La questione è stata posta da un soggetto passivo che, al fine di evitare di esporre a clienti e collaboratori informazioni relative al quantitativo di documenti emessi, aveva creato la soluzione sopra descritta, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU