X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Elezioni degli Ordini locali spostate al 2 e 3 febbraio 2021

Sospese tutte le procedure in corso. La votazione per eleggere il nuovo CNDCEC potrebbe slittare in primavera

/ Savino GALLO

Sabato, 31 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come anticipato ieri da Eutekne.info, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha deciso di sospendere le procedure elettorali per il rinnovo dei Consigli degli Ordini locali (si veda “Il CNDCEC valuta la sospensione delle elezioni” del 30 ottobre), spostando le date del voto, attualmente previsto per il 5 e 6 novembre, al 2 e 3 febbraio 2021.

La delibera ufficiale è arrivata nel corso della riunione che si è tenuta ieri, durante la quale si è dunque deciso di sfruttare l’opportunità offerta dall’art. 31 del DL “Ristori”, che contempla la possibilità di differire la data delle elezioni fino a un massimo di 90 giorni da quella originariamente prevista. Una decisione assunta per uniformare le procedure di voto su tutto il territorio nazionale, dato che alcuni Ordini avevano già provveduto in autonomia a far slittare le elezioni.

Ai sensi dell’art. 31, però, per poter spostare la data delle assemblee elettorali è necessario introdurre il voto telematico, da disciplinare attraverso un apposito regolamento che il Consiglio nazionale dovrà emanare entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto e che dovrà poi essere approvato dal Ministero della Giustizia.

Nelle prossime settimane, quindi, il CNDCEC si metterà al lavoro per licenziare il regolamento in tempo utile e per definire le altre questioni aperte, come la creazione della piattaforma su cui si dovrà materialmente votare. Servirà molto probabilmente un bando di gara e anch’esso dovrà essere approntato in tempi rapidi, altrimenti sarà molto difficile riuscire a rispettare le scadenze di inizio febbraio.

Intanto, con l’informativa n. 127 diffusa ieri, si è fatto chiarezza anche sulle procedure elettorali in corso. Pur essendo, infatti, le elezioni fissate per il 4 e 5 novembre, in molti Ordini erano di fatto già cominciate con il voto per corrispondenza. “A partire da domani (oggi, ndr) – ha fatto sapere il CNDCEC – non si potrà più procedere con il voto per corrispondenza eventualmente previsto dagli Ordini territoriali. Le buste contenenti i voti per corrispondenza già espressi nelle mani dei Consiglieri Segretari e dei Notai devono essere conservate dagli stessi sotto la propria responsabilità e dovranno essere consegnate al Presidente del seggio all’apertura delle operazioni di voto il prossimo 2 febbraio 2021”.

Resta da capire, adesso, cosa ne sarà delle elezioni nazionali, ancora ufficialmente in programma per inizio 2021. Il Consiglio nazionale non ha ancora deciso nulla in merito, ma si fa largo l’ipotesi di uno spostamento anche di questa tornata elettorale. Possibile che il voto venga calendarizzato intorno alla metà di aprile, in modo da permettere ai Consigli locali appena eletti di insediarsi e di esprimere la propria preferenza per i componenti del nuovo CNDCEC.

TORNA SU