X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

LAVORO & PREVIDENZA

La forzata inattività nei periodi di rotazione è un’autonoma violazione

Il datore deve risarcire il danno per illegittima sospensione o riduzione dell’attività e gli effetti non patrimoniali dell’eventuale demansionamento

/ Viviana CHERCHI

Giovedì, 19 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione si è recentemente pronunciata, con l’ordinanza n. 20466/2020, in merito alle tutele del lavoratore cassaintegrato, statuendo come i danni per violazione della rotazione e il danno da demansionamento, sebbene verificatosi durante i periodi di rotazione, siano distinti e risarcibili secondo diversi parametri.

L’ordinanza in commento risulta di particolare interesse anche alla luce dell’utilizzo massiccio in questi mesi degli ammortizzatori sociali disciplinati dalla decretazione d’urgenza, in quanto chiarisce alcune delle conseguenze sanzionatorie per le imprese che, accedendo agli strumenti di integrazione salariale, non adottino comportamenti virtuosi nei confronti dei propri dipendenti.

Si ricorda come, salvo che l’attività non sia completamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU