X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Una congrua proroga per l’invio dei modelli REDDITI e IRAP è essenziale

Venerdì, 20 novembre 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
senza una (congrua) proroga, come è possibile rispettare il termine di trasmissione dei modelli REDDITI PF e IRAP 2020 per il 2019, in scadenza il 30 novembre 2020, in una zona “rossa” (nel mio caso il Piemonte)? Con lo smart working?
Mi viene da ridere...

Il  nostro è un lavoro che richiede prevalentemente l’ausilio del supporto cartaceo (integrato da procedure telematiche e informatiche di vario tipo).

Chi pensa, però, che sia possibile fare il nostro lavoro solo con un computer:
- non ha fatto il commercialista;
- oppure è in malafede;
- oppure entrambe le cose;
- oppure (dimenticavo) potrebbe essere uno che non capisce alcunché.

Perché poi il MEF tace? È stata concessa una proroga inutile di quasi 40 giorni per il modello 770 e non si concede una proroga essenziale per i modelli UNICO e IRAP?
Ma perché? Perché?


Paolo Angelo Alloisio
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Alessandria

TORNA SU