ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’IVA al 10% decisivo il consumo dei pasti presso il ristorante

Le Entrate sembrano non considerare l’apertura del MEF circa l’aliquota applicabile alle vendite da asporto nel periodo emergenziale

/ Corinna COSENTINO e Simonetta LA GRUTTA

Martedì, 15 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le cessioni di alimenti e bevande da asporto, in mancanza di servizi a supporto della vendita, non possono qualificarsi come somministrazioni soggette ad aliquota IVA del 10%. L’utilizzo di un’applicazione internet che consente di effettuare gli ordini a distanza, assicurando una migliore gestione dei tempi di attesa nei locali, anche in ragione dell’attuale contesto di restrizioni legate all’emergenza epidemiologica, non è sufficiente, di per sé, a qualificare l’operazione come prestazione di servizi.
È quanto si evince dalla risposta a interpello n. 581 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ieri.

Si osserva, peraltro, che nel fornire tali chiarimenti l’Agenzia non sembra tenere conto delle recenti aperture mostrate dal Ministero dell’Economia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU