X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rebus superbonus in caso di interventi con frazionamenti o accorpamenti

Contrariamente alla prassi consolidata, per la natura dell’edificio ai fini della detrazione al 110% l’Agenzia valorizza la situazione ante interventi

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 21 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui gli interventi agevolati ai fini del superbonus al 110%, di cui all’art. 119 del DL 34/2020, avvengano in un contesto di interventi edilizi che determinano frazionamenti o accorpamenti di unità immobiliari, può accadere che edifici che sono unifamiliari ante lavori divengano post lavori edifici composti da più unità immobiliari (“indipendenti e autonome” oppure “ordinarie”) o viceversa.
In questi casi, si pone il tema di capire se, ai fini della disciplina del superbonus al 110%, si debba fare riferimento alla natura dell’edificio ante interventi, oppure a quella post interventi.

Sul punto, la circ. Agenzia delle Entrate 22 dicembre 2020 n. 30 (§ 4.4.6) afferma che “va valorizzata la situazione esistente all’inizio dei lavori e non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU