X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il ricorso con censura solo sul merito implica accettazione dell’eredità

/ Pietro MASTELLONE

Lunedì, 11 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’ingresso nelle posizioni, attive e passive, del de cuius deve essere frutto di una scelta consapevole da parte dei chiamati all’eredità, al fine di scongiurare eventuali e indesiderate responsabilità fiscali.
All’apertura della successione mortis causa i successori vengono individuati per legge o per testamento (c.d. vocazione), ma è solo con la chiamata all’eredità (c.d. delazione) che questi ricevono la vera e propria “offerta” del diritto di succedere, sorgendo il diritto-potere di accettare espressamente l’eredità, in modo puro e semplice o con beneficio di inventario, oppure tacitamente.

La delazione conferisce, per usare un gioco di parole, un diritto al diritto di succedere.
Mentre l’accettazione espressa è effettuata con atto pubblico o ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU