X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I pasti ai familiari del ristoratore non sono tassati fino a 50 euro

Secondo la Cassazione, anche ai fini delle imposte dirette rileva la definizione ai fini IVA

/ Alessandro COTTO

Venerdì, 26 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Anche se la questione in questi ultimi tempi risulta, purtroppo, di scarsa attualità, con la sentenza depositata ieri (la n. 5175/2021) la Cassazione è tornata sul trattamento fiscale da riservare alla somministrazione di cibi e bevande nei confronti di dipendenti, soci e familiari dell’imprenditore.
Questo tipo di contestazioni nasce solitamente da accertamenti di tipo induttivo nei quali il contribuente chiede di escludere dai ricavi l’ammontare corrispondente alla somministrazione di cibi e bevande sopra descritta.

Secondo la Cassazione, il servizio di ristorazione a favore di dipendenti, soci e familiari dell’imprenditore costituisce prestazione di servizi:
- non assoggettabile a IVA nel caso in cui non superi la soglia prevista dall’art. 3 comma 3 del DPR 633/1972 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU