X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazioni dei commercialisti usabili se ancora non c’erano elementi di reato

La Suprema Corte conferma la loro piena utilizzabilità perché, all’assunzione, ancora non erano emersi gli elementi costitutivi dei reati

/ Stefano COMELLINI

Sabato, 10 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Qualora all’esito di operazioni di verifica fiscale ad opera della Guardia di Finanza conseguano indizi della sussistenza di reati, si pone frequentemente la questione del momento in cui devono azionarsi le garanzie proprie del procedimento penale.

La norma che disciplina la materia è l’art. 220 disp. att. c.p.p., ove si prevede che quando nel corso di attività ispettive o di vigilanza emergano indizi di reato, gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant’altro possa servire per l’applicazione della legge penale, devono essere compiuti con l’osservanza delle disposizioni del codice di procedura penale.

Si è così chiarito che il PVC redatto dalla GdF, in quanto atto amministrativo extraprocessuale, costituisce prova documentale e, qualora

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU