X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riporto delle perdite nelle scissioni anche se non si supera il test di vitalità

Viene valorizzato il fatto che nonostante il depotenziamento della società si intende porre in essere un piano di risanamento

/ Salvatore SANNA

Martedì, 11 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta interpello n. 316, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sulla disapplicazione della disciplina antielusiva sul riporto delle perdite fiscali, delle eccedenze di interessi passivi indeducibili (art. 96 del TUIR) e delle eccedenze ACE ex art. 173, comma 10 del TUIR.

Quest’ultima disposizione rende applicabile la normativa antielusiva della fusione (art. 172 comma 7 del TUIR) anche alle società beneficiarie che presentano delle perdite pregresse, interessi indeducibili e eccedenze ACE. Pertanto:
- non possono essere riportate tali eccedenze maturate ante scissione in capo a società che, nel Conto economico del bilancio dell’esercizio precedente a quello in cui la scissione viene deliberata, evidenziano un ammontare di ricavi e proventi caratteristici ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU