X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per il bonus formazione 4.0, fino al 2019 deposito del contratto rilevante

/ REDAZIONE

Venerdì, 14 maggio 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 343 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, con riferimento alla previgente disciplina del credito d’imposta per la formazione 4.0 di cui all’art. 1 comma 46 ss. della L. 205/2017, che in assenza di deposito dell’accordo entro i termini stabiliti non è possibile beneficiare dell’agevolazione.

Il corretto adempimento riguardante il deposito telematico presso il Ministero del Lavoro del contratto collettivo o aziendale costituiva, sia in relazione al periodo d’imposta 2018, sia in relazione al periodo d’imposta 2019 cui si riferisce il caso in esame, una condizione di ammissibilità al beneficio (si veda anche la risposta a interpello del 20 marzo 2019 n. 79).
L’Agenzia rileva che la modifica introdotta dell’art. 1 comma 215 della L. 160/2019, che ha eliminato tale adempimento, si rende applicabile solo a decorrere dal periodo d’imposta 2020.

Pertanto, nel caso di specie, non avendo la società provveduto al deposito del citato accordo entro la data del 31 dicembre 2019 e non rientrando il caso d’esame nella previsione temporale (anno 2020) di cui al citato comma 215 dell’art. 1 della L. n 160/2019, non potrà usufruire del credito d’imposta di cui all’art. 1 della L. 205/2017 per i periodi d’imposta di vigenza dell’originaria disciplina.

TORNA SU