X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dalla Consulta un monito per il legislatore sulla riforma degli aggi

Pur dichiarando inammissibile la questione, la Corte Costituzionale sottolinea l’urgenza di un intervento

/ Alice BOANO

Venerdì, 11 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dichiarata inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 17 comma 1 del DLgs. 112/99, recante la disciplina dell’aggio sulla riscossione delle entrate pubbliche, ma con un forte invito al legislatore a non rimandare più la riforma del sistema.
È quanto si ricava dalla sentenza n. 120 depositata ieri dalla Corte Costituzionale.

La disposizione censurata, applicabile ratione temporis, disponeva che “[l’]attività degli agenti della riscossione è remunerata con un aggio, pari al nove [otto] per cento delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora e che è a carico del debitore: a) in misura del 4,65 per cento delle somme iscritte a ruolo, in caso di pagamento entro il sessantesimo giorno dalla notifica della cartella. In tal caso,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU