X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Sull’uso dei crediti fiscali l’Agenzia ha un comportamento ostruzionistico

Lunedì, 5 luglio 2021

x
STAMPA

Gentile Redazione,
intendo segnalare il comportamento ostruzionistico dell’Agenzia delle Entrate in merito alla possibilità da parte dei contribuenti di utilizzare i propri crediti fiscali.

Come gran parte degli studi associati, anche il mio evidenzia consistenti crediti fiscali derivanti dalla riattribuzione degli stessi da parte dei singoli professionisti associati, per effetto delle ritenute d’acconto che, essendo effettuate sul fatturato, normalmente sono in eccesso rispetto all’imposta dovuta.

Fino a due anni fa, tali crediti erano utilizzabili sin dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento della dichiarazione. Dallo scorso anno, l’utilizzo è subordinato all’invio della dichiarazione dei redditi. Lasciando stare la legittimità di tale vincolo, voglio evidenziare che a oggi, 30 giugno 2021, è stata rilasciata la prima versione di controllo delle dichiarazioni, la quale però presenta alcuni errori bloccanti in merito alla compilazione del quadro RS, rigo 401.
Tale errore è già stato segnalato alla Sogei da parte di Assosoftware, ma a oggi non risulta ancora risolto.

Ora, per poter legittimamente utilizzare in compensazione i crediti fiscali dello studio associato, come precedentemente detto, è necessario che sia preventivamente inviata la dichiarazione dei redditi almeno 10 giorni prima della data per l’utilizzo.
Pertanto, per poterli utilizzare il 16 luglio, diventa obbligatorio inviare la dichiarazione entro lunedì 5 luglio 2021.
A oggi, dato l’errore bloccante sopra indicato, la dichiarazione non è inviabile.

Tale comportamento ostruzionistico appare contrario ai principi di corretta collaborazione tra contribuenti e Pubblica Amministrazione e dimostra ancora di più come i contribuenti italiani siano considerati sudditi che devono sottostare alle decisioni dello Stato e non come cittadini a cui dare un servizio.


Adriano Pietrobon
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Treviso

TORNA SU