X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regole ordinarie di tassazione per i lavoratori da remoto

La permanenza forzata in un altro Stato, secondo l’Agenzia delle Entrate, non ha effetti su residenza e territorialità dei redditi

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 8 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello n. 458 di ieri, 7 luglio 2021, è tornata ad analizzare l’articolata materia del lavoro dipendente svolto su base transnazionale da persone obbligate a lavorare in remoto dalla propria abitazione a causa delle restrizioni agli spostamenti occorse nel 2020.

Per la prima volta l’esame riguarda in modo compiuto tutti i “tasselli” della problematica (residenza fiscale, territorialità dei redditi e retribuzioni convenzionali), con soluzioni sostanzialmente negative che riprendono l’orientamento già manifestatosi per ciascuno di essi in precedenti documenti della stessa Amministrazione finanziaria.

Il caso riguarda una serie di dipendenti assunti con contratto italiano dalla capogruppo italiana e distaccati presso le consociate cinesi, trasferitisi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU