Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / IAS

Ancora tanti nodi da sciogliere per i finanziamenti infragruppo

Non chiaro se tra gli oneri «desumibili dal contratto» possa esserci la quota di interesse effettivo riferibile alla finanziarizzazione dei costi di transazione

/ Guerino RUSSETTI

Lunedì, 19 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trattamento fiscale delle operazioni di finanziamento infragruppo (o più precisamente quelle da società controllante a controllata) – ordinariamente poste in essere a condizioni più favorevoli rispetto a quelle ottenibili sul mercato finanziario – è disciplinato dall’art. 5, comma 4-bis del DM 8 giugno 2011. Le relative disposizioni disattivano il principio di “derivazione rafforzata” (quale riconoscimento fiscale delle qualificazioni, classificazioni e imputazioni temporale) e lo sostituiscono con una regola fiscale di stretta derivazione giuridica secondo cui in caso di “operazioni di finanziamento tra soggetti tra i quali sussiste il rapporto di controllo di cui all’art. 2359 del codice civile assumono rilevanza fiscale esclusivamente i componenti positivi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU