X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Ottenere un rimborso non dovuto è equiparato a un omesso versamento

La Suprema Corte non menziona il fatto che la situazione è già disciplinata

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 20 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 20585 depositata ieri, ha sancito che l’ottenimento di un rimborso IVA non dovuto può essere sanzionato ai sensi dell’art. 13 del DLgs. 471/97, che punisce l’omesso versamento di tributi.

Premettendo che, dal testo della pronuncia, non si comprende esattamente la genesi della fattispecie, i giudici sanciscono che si verifica “in questo caso – esattamente come accade nelle ipotesi di omesso versamento del tributo – un ritardo per l’Erario nell’incasso delle somme spettanti, per effetto dell’errata restituzione di quanto in precedenza versato, la quale di per sé determina quell’ammanco nelle casse del fisco, che la previsione della sanzione amministrativa mira evidentemente a reprimere”.
Nello stesso

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU