X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Bene in comunione legale pignorabile anche se il debito è di un solo coniuge

Per la giurisprudenza, il creditore non può pignorare solo una quota del bene

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 27 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando i coniugi si trovano in regime di comunione legale, i beni in comunione hanno funzione di garanzia per le obbligazioni contratte dai coniugi (congiuntamente o singolarmente).

In particolare:
- con riferimento alle obbligazioni contratte dai coniugi congiuntamente, rispondono i beni in comunione e, se questi non sono sufficienti a coprire tali obbligazioni, i creditori possono agire in via sussidiaria sui beni personali di ciascun coniuge, nella misura di metà del credito (art. 190 c.c.); i beni della comunione rispondono, tra l’altro, di ogni obbligazione contratta dai coniugi, anche separatamente, nell’interesse della famiglia (art. 186 comma 1 lett. c) c.c.);
- per i debiti del singolo coniuge, colui che li ha contratti risponde separatamente con il proprio patrimonio personale,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU