Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Bonus investimenti con indicazione della corretta norma agevolativa

Occorre regolarizzare le fatture alla luce dei chiarimenti sul coordinamento temporale

/ Pamela ALBERTI

Giovedì, 19 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Secondo l’art. 1 comma 1062 della L. 178/2020, che riprende in sostanza l’art. 1 comma 195 della L. 160/2019, ai fini dei successivi controlli, i soggetti che si avvalgono del credito d’imposta sono tenuti a conservare, pena la revoca del beneficio, la documentazione idonea a dimostrare l’effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili.
La citata disposizione stabilisce che le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere “l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 1054 a 1058”.

Con le risposte a interpello del 5 ottobre 2020 nn. 438 e 439, l’Agenzia delle Entrate, in relazione all’analoga disposizione prevista dall’art. 1 comma 195 della L. 160/2019, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU