X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Per le norme Ue antiriciclaggio punibile l’autore del reato presupposto

La disciplina europea riconosce espressamente che gli Stati membri possono adottare o mantenere in vigore disposizioni più rigorose

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 3 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa europea relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo non osta ad una normativa nazionale che prevede che il reato di riciclaggio di capitali possa essere commesso dall’autore dell’attività criminosa che ha generato i medesimi capitali.
Si tratta di un’ulteriore conferma della legittimità della previsione della condotta di autoriciclaggio che arriva dalla Corte di Giustizia Ue nella sentenza C-790/19 depositata ieri.

Va ricordato, in proposito, che nell’ordinamento italiano è in vigore solo dal 1° gennaio 2015 una norma (l’art. 648-ter.1 c.p.) che punisce la condotta di riciclaggio posta in essere dallo stesso soggetto che ha commesso o concorso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU