X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Denuncia all’INAIL anche se il datore ritiene il caso non indennizzabile

L’Istituto si sofferma sulle regole da seguire per denunciare l’infortunio sul lavoro, analizzando quando scatta l’obbligo, anche nei casi COVID

/ Fabrizio VAZIO

Sabato, 11 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare INAIL n. 24/2021 in materia di sanzioni per omessa o tardata denuncia di infortunio fornisce indicazioni su numerosi argomenti: quando scatta l’obbligo della denuncia, quando l’Istituto assicuratore la richiede all’azienda, quali sono i casi in cui viene comminata l’onerosa sanzione per mancanza della denuncia e qual è l’iter della stessa.

La circolare si sofferma poi sul controverso tema del rapporto tra la denuncia di infortunio di cui all’art. 53 del DPR 1124/1965 e la comunicazione prevista dall’art. 18, comma 1, lett. r) del DLgs. 81/2008, con riferimento anche alle due distinte sanzioni.

Va ricordato che il disposto dell’art. 53 prevede l’obbligo per il datore di lavoro di denunciare all’Istituto assicuratore gli infortuni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU