X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

SPID per i servizi on line delle Entrate complicato per i residenti all’estero

Sabato, 18 settembre 2021

x
STAMPA

Gentile Redazione,
faccio seguito a quanto pubblicato lo scorso 16 settembre su Eutekne.info nell’articolo “Da ottobre servizi on line del Fisco solo con SPID, CIE e CNS per i cittadini” per sottolineare come l’Agenzia delle Entrate non abbia fornito indicazioni in merito alla modalità di accesso ai propri servizi on line per i contribuenti stranieri (non cittadini e non residenti).

La questione potrebbe interessare numerosi soggetti stranieri proprietari di immobili nel territorio Italiano, ovvero percettori di prestazioni pensionistiche, nonché tutti gli innumerevoli casi di soggetti stranieri cui sia riferibile una qualsiasi obbligazione tributaria in Italia.

Per ottenere le credenziali SPID è richiesto il possesso di tessera sanitaria ovvero di un documento di identità italiano. La CIE è correlata alla residenza in un Comune italiano. Dunque questi due sistemi non saranno utilizzabili dai soggetti stranieri.

La CNS può essere teoricamente ottenuta anche da un soggetto straniero, ma a tal fine dovrà fisicamente recarsi presso gli uffici delle Camera di Commercio (ovvero presso soggetti autorizzati al rilascio). Tale sistema sarà però l’unico utilizzabile dal soggetto straniero con necessità di recarsi in territorio italiano per poterlo attivare.

La nuova modalità di accesso ai servizi on line dell’Agenzia delle Entrate rischia, dunque, di determinare una enorme complicazione per quei contribuenti stranieri che avevano già richiesto ed ottenuto in passato le proprie credenziali Fisconline, obbligandoli probabilmente a recarsi fisicamente in Italia.

Si creerebbe peraltro una discriminazione nei confronti dei soggetti stranieri che avranno a disposizione un unico sistema di accesso a differenza dei cittadini italiani che avranno a disposizioni tre sistemi alternativi. Ciò potrebbe andare anche a discapito degli interessi erariali rendendo più complicato l’adempimento spontaneo di obbligazioni tributarie.


Monica Zafferani
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna

TORNA SU