X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Tornano i preavvisi dell’Agenzia... che «dimenticano» la proroga ISA

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

Spettabile Redazione,
ne avevamo nostalgia, e finalmente l’Agenzia delle Entrate ha ripreso a spedire agli intermediari i nostri cari preavvisi telematici... un paio di file, giusto per riprendere gradualmente l’abitudine, con al suo interno una decina di comunicazioni.

Apro la prima: ritardato versamento dal 31 luglio 2019 (data scadenza) al 30 settembre 2019 (data versamento). Mah...
Apro la seconda: ritardato versamento dal 31 luglio 2019 (data scadenza) al 30 settembre 2019 (data versamento).

Sono due soci della stessa società, magari si sono dimenticati assieme.
Ne apro un’altra non legata alla stessa società: ritardato versamento dal 31 luglio 2019 (data scadenza) al 27 settembre 2019 (data versamento). 

Comincia a venirmi un sospetto. Possibile che tutti i miei clienti abbiano versato il 30 settembre 2019, che abbia spedito io in ritardo gli F24?
Cerco in una banca dati “scadenza redditi 2019”. Toh... c’era la proroga al 30 settembre 2019 per i soggetti ISA.
Su 10 preavvisi 7 portavano questa anomalia subito risolta con CIVIS e tutti sgravati.
Ma mi chiedo: possibile che, avendo a disposizione 2 anni di tempo l’Agenzia delle Entrate non potesse aver verificato un po’ meglio il sistema, prima di emanare questo tipo di preavvisi?

Inoltre trattandosi per lo più di preavvisi di 10, 15, 20 euro..., i costi per lo sgravio di fatto rimarranno a carico del professionista.
Oltre al danno, la beffa.
Ma questo forse fa parte di quel ritorno alla “normalità” che tutti in questi tempi desideriamo.


Marco Bortolin
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Treviso

TORNA SU