ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Apporti nei trust onerosi ancora a rischio tassazione

La bozza di circolare pubblicata dall’Agenzia delle Entrate non prende posizione sui trust non liberali

/ Dario AUGELLO e Paolo GIOVANNINI

Venerdì, 15 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la bozza di circolare pubblicata in consultazione lo scorso 11 agosto l’Agenzia delle Entrate esamina la disciplina fiscale del trust, fornendo nuove indicazioni, tra l’altro, in materia di imposta sulle successioni e donazioni.

L’Agenzia afferma di recepire il più recente orientamento della Cassazione, secondo cui l’apporto del disponente nel trust non integra un trasferimento imponibile, fintanto che non avviene un “effettivo incremento patrimoniale del beneficiario” (Cass. nn. 24153-24154/2020).
Giova ricordare che, fino al 2015, la Cassazione era attestata su posizione opposta: in precedenza la giurisprudenza valorizzava l’apporto in favore del trust quale atto tassabile, in quanto espressivo di capacità economica (Cass. n. 3886/2015).

Secondo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU