X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Realizzo della quota con percorsi obbligati per il curatore

Da tenere in considerazione l’incrocio di norme concorsuali e civilistiche

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 28 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’apertura del fallimento (o della liquidazione giudiziale) nei confronti di un imprenditore individuale o collettivo che sia anche socio di altra società in bonis, si pone per il curatore il problema del realizzo della quota o della partecipazione acquisita dalla procedura, con connessa eventuale pianificazione nel programma di liquidazione, da redigere ai sensi dell’art. 104-ter del RD 267/42.

Per la quota di una società di persone, l’art. 2288 comma 1 c.c. dispone che “è escluso di diritto (dalla società di persone) il socio nei confronti del quale è stata aperta o al quale è stata estesa la procedura di liquidazione giudiziale”. L’esclusione implica, pertanto, l’attribuzione del valore della quota in favore del curatore, che va chiesta alla società ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU