X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Rilevanti ai fini IVA i contributi a riduzione del corrispettivo per la raccolta dei rifiuti

/ REDAZIONE

Mercoledì, 20 ottobre 2021

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 734 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che il finanziamento regionale percepito da un gestore del servizio di raccolta rifiuti urbana concorre alla formazione della base imponibile IVA della prestazione di servizio.

Nel caso oggetto di interpello, infatti, il finanziamento erogato al soggetto istante, gestore del servizio di raccolta rifiuti, ha consentito al medesimo di praticare ai Comuni fruitori dello stesso un prezzo inferiore, corrispondente all’ammontare della sovvenzione ricevuta, rispetto a quello che il prestatore avrebbe applicato in mancanza del beneficio.

Tale circostanza evidenzia, pertanto, la diretta connessione della sovvenzione al prezzo applicabile alla prestazione resa rappresentando di fatto un’integrazione parziale del corrispettivo che conseguentemente, in applicazione di quanto stabilito dalla giurisprudenza comunitaria e di legittimità (cfr. Corte di Giustizia Ue causa C-144/02 e Cass. n. 16660/2020), deve concorrere alla formazione della base imponibile IVA della prestazione del servizio di raccolta rifiuti posta in essere dalla società istante.

TORNA SU