X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Non necessario il consenso al lavoro festivo se già regolato a livello collettivo

Il riposo è rinunciabile con accordo individuale o sindacale, stipulato da organizzazioni sindacali cui il lavoratore abbia conferito esplicito mandato

/ Giada GIANOLA

Martedì, 26 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è necessario l’espresso consenso del dipendente a lavorare durante le festività infrasettimanali di cui alla L. 260/1949 né è richiesta una adeguata giustificazione da parte del datore di lavoro che richieda tale attività quando il suddetto obbligo contrattuale possa implicitamente dedursi dalla sottoscrizione (e dalla successiva osservanza senza contestazioni) da parte del lavoratore del contratto di lavoro in cui si preveda lo svolgimento dell’attività lavorativa 7 giorni su 7, con riposo settimanale per turni, con espresso richiamo alla disciplina contrattuale di settore.
La Corte di Cassazione lo ha affermato con la sentenza n. 29907 pubblicata ieri, 25 ottobre 2021, in materia di svolgimento dell’attività lavorativa durante le festività nel particolare settore del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU