X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Pronto il codice tributo per l’uso in compensazione del tax credit per teatro e spettacoli dal vivo

/ REDAZIONE

Mercoledì, 1 dicembre 2021

x
STAMPA

Dopo il provvedimento n. 334497 del 26 novembre, che ha fissato nel 4,1881% la percentuale del credito d’imposta effettivamente fruibile dalle imprese esercenti le attività teatrali e gli spettacoli dal vivo, di cui all’art. 36-bis del DL 41/2021 convertito (si veda “Tax credit per teatro e spettacoli dal vivo al 4,1881%” del 27 novembre 2021), con la risoluzione n. 67 di ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6952” per consentire ai beneficiari l’utilizzo in compensazione tramite il modello F24.

Si ricorda che l’importo massimo del credito d’imposta fruibile da ciascun beneficiario è pari al credito risultante dall’ultima istanza validamente presentata ai sensi del provv. n. 262278/2021, in assenza di rinuncia, moltiplicato per la percentuale appena citata, troncando il risultato all’unità di euro. Ciascun beneficiario può visualizzare il credito d’imposta fruibile tramite il proprio cassetto fiscale accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per quanto riguarda l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta, in sede di compilazione del modello di pagamento F24, il citato codice tributo “6952”, denominato “CREDITO D’IMPOSTA TEATRI E SPETTACOLI - articolo 36-bis del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41”, va esposto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Nel campo “anno di riferimento” è indicato l’anno di riconoscimento del credito d’imposta, nel formato “AAAA”.

TORNA SU