Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Approvata la proroga al 30 giugno 2022 per gli aiuti di Stato italiani

/ REDAZIONE

Sabato, 22 gennaio 2022

x
STAMPA

Con la Decisione 11 gennaio 2022 n. C(2022) 171 final, la Commissione europea ha approvato la proroga fino al 30 giugno 2022, in linea con la Sesta modifica del Quadro temporaneo, del piano di aiuti italiano già esistente a fronte dell’emergenza COVID.
A parte le modifiche notificate, l’Italia conferma che non sono proposte ulteriori modifiche ai regimi di aiuti esistenti e che tutte le altre condizioni di tale regime restano inalterate.

Nella decisione, oltre all’aumento delle risorse disponibili, viene stabilito, in relazione a determinati aiuti, che gli importi massimi degli aiuti per beneficiario ai sensi della sezione 3.1 del Quadro temporaneo sono aumentati a 290.000 euro per le imprese attive nel settore primario produzione di prodotti agricoli, 345.000 euro per le imprese attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura e 2,3 milioni di euro per tutte le altre imprese.

In relazione all’aumento dei suddetti massimali, si rileva che nell’ambito della bozza del DL “Sostegni-ter”, approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, è stato altresì previsto l’allineamento alle nuove misure per l’art. 54 del DL 34/2020, per cui le Regioni, le Province autonome, gli altri enti territoriali, le Camere di commercio possono adottare misure di aiuto, a valere sulle proprie risorse, ai sensi della sezione 3.1 del Quadro temporaneo, fino a un importo di 2,3 milioni di euro per impresa (salvo i diversi limiti per le imprese dei citati settori specifici).

TORNA SU