Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ambito di applicazione dubbio per la correzione degli errori

La semplificazione sembra riferibile ai soli soggetti che applicano il principio di derivazione rafforzata

/ Silvia LATORRACA

Giovedì, 30 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 8 comma 1 lett. b) del DL n. 73/2022 (c.d. “Semplificazioni fiscali”), pubblicato sulla G.U. 21 giugno 2022 n. 143, ha modificato l’art. 83 comma 1 del TUIR per quanto attiene al trattamento fiscale dei componenti di reddito rilevati a seguito della correzione di errori contabili.
In particolare, è stato previsto che i criteri di imputazione temporale previsti dai principi contabili (che, in forza del principio di derivazione rafforzata, assumono rilevanza fiscale, congiuntamente ai criteri di qualificazione e classificazione) “valgono ai fini fiscali anche in relazione alle poste contabilizzate a seguito del processo di correzione degli errori contabili”.
Tale disposizione non si applica ai componenti negativi di reddito per i quali è scaduto il termine

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU