Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Onere della prova a carico del Fisco anche per l’inerenza dei costi

Rimangono le presunzioni legali previste dal sistema

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Lunedì, 15 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La legge di riforma del processo tributario introduce una disposizione che prevede l’onere della prova a carico del Fisco in sede di accertamento, della quale il giudice tributario deve tenere conto ai fini della decisione (nuovo art. 7 comma 5-bis del DLgs. 546/92, che entrerà in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione della legge in G.U.).
In particolare, è stabilito in primo luogo che l’Amministrazione finanziaria “prova in giudizio le violazioni contestate con l’atto impugnato”.

In linea generale sembra che il legislatore abbia inteso esplicitare un principio che dovrebbe regolare da sempre l’accertamento tributario, ossia che il Fisco è tenuto non solo a motivare la ripresa a tassazione, ma anche a darne la prova.
Tuttavia in diverse occasioni la Cassazione,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU