Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Corsa al ricorso per Cassazione in vista della definizione delle liti

Il ricorso tardivo potrebbe non far accedere al condono

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 17 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 5 del disegno di legge sulla riforma del processo tributario, approvato in via definitiva dal Parlamento, contiene una definizione delle liti tributarie pendenti in Cassazione.
Tale definizione non riguarda tutti i contribuenti che hanno liti pendenti in Cassazione, ma solo situazioni molto circoscritte.

Infatti, la definizione concerne:
- liti del valore sino a 100.000 euro per le quali l’Agenzia delle Entrate è risultata interamente soccombente nei due gradi di merito, per le quali si paga solo il 5% del valore della lite;
- liti del valore sino a 50.000 euro per le quali l’Agenzia delle Entrate è risultata in parte soccombente nei gradi di merito, per le quali si paga il 20% del valore della lite.

Fermo restando ciò, non sembra avere rilevanza la tipologia di atto impugnato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU