Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Accordo di ristrutturazione con automatica liberazione per i garanti

Permangono le incertezze tra cram down ed estensione dell’accordo ai creditori non aderenti

/ Tania STEFANUTTO

Venerdì, 23 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 20 comma 1 lett. f) del DL 118/2021 ha introdotto l’art. 182-decies del RD 267/42, riprodotto nell’art. 59 del DLgs. 14/2019, per definire il trattamento dei coobbligati e dei soci illimitatamente responsabili in caso di accordo di ristrutturazione: per questi ultimi la liberazione potrebbe essere solo parziale.

La norma affronta il tema delle garanzie e delle obbligazioni di regresso nei casi di creditori aderenti su base volontaria o di trascinamento (es. accordi ad efficacia estesa di cui all’art. 61 del DLgs. 14/2019), nonché l’efficacia della remissione del debito a beneficio di una società nei confronti dei soci di questa illimitatamente responsabili.

Il primo comma introduce l’operatività ex lege dell’art. 1239 c.c. degli effetti remissori ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU