ACCEDI
Venerdì, 14 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Autorizzata la franchigia IVA a 85.000 euro fino al 2024 per il forfetario

La decisione di esecuzione del Consiglio Ue consente all’Italia di applicare la misura di deroga dal 1° gennaio scorso

/ Paola RIVETTI

Giovedì, 23 marzo 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione all’incremento della soglia di ricavi e compensi per il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, con la decisione di esecuzione del 21 marzo 2023 n. 664, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea di ieri, il Consiglio Ue ha autorizzato l’Italia a esentare dall’IVA i soggetti passivi il cui volume d’affari annuo non superi 85.000 euro.

La previsione di esclusione da IVA prevista dall’art. 1 comma 58 della L. 190/2014 ha sempre richiesto un coordinamento con la disciplina unionale in materia, la quale riconosce agli Stati membri la possibilità di concedere un regime di franchigia IVA ai soggetti passivi con un volume d’affari contenuto.

In deroga all’attuale art. 285 della direttiva (Ce) n. 112/2006, con la decisione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU