ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenzione IVA per l’oro da investimento a prescindere dal formato

Per la Cassazione si applica l’esenzione se sono rispettati i requisiti sostanziali di peso e purezza

/ Emanuele GRECO e Melania MARCHESE

Lunedì, 5 giugno 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 13742/2023, la Cassazione ha esaminato le condizioni per l’applicabilità del regime di esenzione IVA previsto per le cessioni di oro da investimento.

Ai sensi dell’art. 10 comma 1 n. 11 del DPR 633/72, che recepisce le disposizioni di cui agli artt. 344 e 346 della direttiva 2006/112/Ce, sono esenti dall’IVA “le cessioni di oro da investimento, compreso quello rappresentato da certificati in oro, anche non allocato, oppure scambiato su conti metallo”.
Secondo l’art. 1 della L. 7/2000, nella nozione di “oro da investimento” rientra l’oro in forma di lingotti o placchette di peso (superiore a 1 grammo) accettato dal mercato e di purezza pari o superiore a 995 millesimi, rappresentato o meno da titoli.

In tale contesto, la Corte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU