ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Legittima la scissione mediante scorporo per beni non costituenti aziende

Assonime «smarca» i principali dubbi applicativi fiscali sull’istituto disciplinato dal nuovo art. 2506.1 c.c.

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 23 maggio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La “scissione mediante scorporo”, di cui al nuovo art. 2506.1 c.c., introdotto dall’art. 51 del DLgs 19/2023 e, ai sensi dell’art. 56 comma 2 del DLgs 19/2023 medesimo, già in vigore, costituisce un nuovo strumento messo a disposizione dall’ordinamento giuridico che si presenta decisamente interessante soprattutto (seppur non soltanto) per attuare, in regime di neutralità fiscale ai fini delle imposte dirette e con applicazione delle imposte d’atto in misura fissa, scorpori di patrimoni immobiliari posseduti da società ai quali, in ragione delle loro caratteristiche, non potesse essere riconosciuta natura di “azienda”, secondo la definizione di cui all’art. 2555 c.c. (con conseguente inapplicabilità di questo stesso favorevole trattamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU