ACCEDI
Giovedì, 25 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Comunicazione delle vendite on line in stand by per le piattaforme

L’obbligo comunicativo introdotto dalla legge di bilancio 2023 è ancora in attesa delle norme attuative

/ Corinna COSENTINO e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 9 giugno 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una delle direttrici di intervento individuate a livello unionale per modernizzare il sistema dell’IVA riguarda il coinvolgimento sempre maggiore delle piattaforme di scambio sul web nella riscossione dell’imposta, quale misura di contrasto alle frodi.

Un primo passo in questa direzione è stato fatto, a partire dal 1° luglio 2021, con la riforma IVA nel settore e-commerce, che ha individuato le piattaforme digitali quali “fornitori presunti” tenuti ad assolvere l’IVA per alcune cessioni di beni effettuate nell’Unione.
In sostanza, è stata introdotta una finzione giuridica in base alla quale, quando una piattaforma facilita alcune vendite a distanza, cessioni nazionali o vendite a distanza di beni importati nell’Ue questa si considera acquirente e rivenditrice ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU