ACCEDI
Venerdì, 14 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Lavoratore legittimato a insinuarsi al passivo per il TFR non versato al Fondo

Legittimato attivo è invece il Fondo complementare se dall’istruttoria risulta che il conferimento del TFR è qualificabile come cessione del credito

/ Giada GIANOLA

Giovedì, 8 giugno 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza n. 16116 depositata ieri, 7 giugno 2023, ha chiarito a chi spetti la legittimazione attiva all’insinuazione al passivo del fallimento del datore di lavoro con riguardo alle quote di trattamento di fine rapporto conferito a un Fondo di previdenza complementare nel caso in cui il datore di lavoro lo abbia accantonato senza, però, poi versarlo.

I giudici di legittimità hanno evidenziato che in questi casi la legittimazione spetta, di regola, al lavoratore, a causa dello scioglimento del rapporto di mandato in cui si estrinseca la delegazione di pagamento al datore di lavoro, salvo che dall’istruttoria emerga che non vi sia stata una delegazione di pagamento ma una cessione del credito in favore del Fondo complementare, con conseguente legittimazione attiva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU