ACCEDI
Lunedì, 22 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nessuna «scorciatoia probatoria» per il diritto penale tributario

Non v’è spazio nel processo penale di cognizione per l’ingresso di presunzioni, ma solo di indizi

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 4 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La violazione dell’obbligo di presentare una delle dichiarazioni annuali non esaurisce l’indagine penale perché è necessario accertare anche che ne sia derivata un’evasione effettiva di imposta superiore alla soglia indicata dall’art. 5 del DLgs. n. 74/2000.
Nell’affrontare il dibattuto tema dell’accertamento penale dell’imposta evasa e dell’utilizzo delle “presunzioni tributarie”, la Cassazione, nella sentenza n. 44170 depositata ieri, ripercorre la natura e gli scopi del “diritto penale tributario”.

Quest’ultimo si caratterizza per la sua specialità che gli deriva dalla particolare materia che ne costituisce l’oggetto, ma resta pur sempre diritto penale, diritto cioè dei comportamenti ritenuti lesivi di beni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU