ACCEDI
Sabato, 13 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’accollo nel concordato fallimentare con assuntore non sconta il registro

In questo contesto l’accollo è un effetto legale, non una clausola negoziale inserita volontariamente dalle parti

/ Anita MAURO

Mercoledì, 15 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, in due sentenze “gemelle” (l’una depositata ieri, la n. 31590 e l’altra depositata il 13 novembre, la n. 31530) consolida il proprio orientamento in tema di tassazione del concordato fallimentare con terzo assuntore, con specifico riferimento alla questione dell’accollo dei debiti della procedura.

Va premesso che il concordato fallimentare può prevedere l’intervento di un terzo assuntore (art. 124 del RD 267/42, art. 240 del DLgs. 14/2019). In tal caso, l’assuntore si obbliga a soddisfare i crediti concorsuali nella misura concordata, in base allo schema civilistico dell’accollo (art. 1273 c.c. ), dietro corrispettivo della cessione delle attività fallimentari.

L’applicazione dell’imposta di registro al decreto di omologa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU