ACCEDI
Lunedì, 4 marzo 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel decreto Anticipi entra il CIN, ma non la cedolare sulle locazioni brevi

Il disegno di legge di conversione del DL 145/2023 introduce ulteriori adempimenti a carico dei locatori

/ Anita MAURO

Venerdì, 8 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri il Senato ha approvato il disegno di legge di conversione del DL 145/2023 (c.d. decreto “Anticipi”) con 87 voti favorevoli, 46 contrari e nessuna astensione. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera. Il testo, così come modificato dai lavori in Commissione Bilancio, contiene ora una nuova norma in tema di locazioni, che disciplina il CIN, il nuovo codice identificativo nazionale che dovrà essere attribuito ad ogni unità immobiliare destinata a finalità turistica, a locazione breve e alle strutture turistico-ricettive alberghiere ed extralberghiere.

Il CIN sarà attribuito dal Ministero del Turismo, ma dovrà essere richiesto dai locatori o dai titolari delle strutture turistiche. Inoltre, dato che alcuni Comuni avevano già attivato alcune procedure per attribuire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU