ACCEDI
Sabato, 20 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per il pignoramento, i mobili nella casa del debitore si presumono di sua proprietà

/ Carmela NOVELLA e Cecilia PASQUALE

Mercoledì, 20 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando un creditore ha ottenuto un titolo esecutivo (ad es., una sentenza di condanna o un decreto ingiuntivo) nei confronti del proprio debitore, può procedere a pignorare i suoi beni mobili, immobili o i suoi crediti nei confronti di terzi.
Il pignoramento mobiliare, in particolare, può avvenire mediante ricerca dei beni fatta dall’ufficiale giudiziario nella casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti (art. 513 c.p.c.).

Una questione che talvolta si pone in sede di espropriazione riguarda la possibilità di opporre all’ufficiale giudiziario che accede alla casa del debitore il fatto che soggetti terzi vantino diritti sui beni presenti nell’immobile (ad esempio, perché gli sono stati concessi in comodato o in locazione, o perché sussiste un diritto di godimento

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU