ACCEDI
Domenica, 26 maggio 2024

IMPRESA

Rinuncia al concordato con rischio di fallimento senza violazione della difesa

L’istanza del pubblico ministero innesta la procedura prefallimentare

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 26 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ipotesi in cui il debitore abbia presentato una domanda di concordato preventivo con riserva e successivamente vi abbia rinunciato scegliendo lo strumento del piano di risanamento può essere dichiarato fallito, su istanza presentata medio tempore dal pubblico ministero.
La dichiarazione di improcedibilità del concordato preventivo, dovuta alla rinunzia del proponente, innesta la procedura prefallimentare consentendo l’apertura del fallimento senza violazione del diritto di difesa del debitore.
Quest’ultimo, infatti, è posto nelle condizioni di conoscere preventivamente il contenuto dell’istanza di fallimento pendente – la quale sarebbe divenuta procedibile con il decadere della domanda di concordato – potendo utilizzare il termine a difesa non solo per svolgere deduzioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU