ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Termini non perentori nel giudizio di omologazione del concordato

Non trova applicazione la sospensione feriale

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 28 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di giudizio di omologazione del concordato, l’art. 180 comma 2 del RD 267/42 stabilisce che il debitore, il commissario giudiziale, gli eventuali creditori dissenzienti e qualsiasi interessato devono costituirsi almeno 10 giorni prima dell’udienza e che, nel medesimo termine, il commissario giudiziale deve depositare il proprio motivato parere.
Secondo la Cassazione n. 1393 del 15 gennaio 2024, l’omessa previsione della perentorietà del termine fissato per la costituzione delle parti osta alla sua qualificazione come “termine perentorio”, con la conseguenza che deve ritenersi ammissibile la costituzione avvenuta oltre il termine di 10 giorni prima dell’udienza.

La soluzione muove non solo dal silenzio della norma e dall’assenza di sanzione in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU