ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Delibera impugnabile dal socio anche se il creditore pignoratizio ha votato a favore

Il titolare della quota conserva i diritti amministrativi diversi dal voto, tra cui rientra quello all’impugnazione

/ Monica VALINOTTI

Martedì, 11 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 16047, depositata ieri, ha stabilito che il socio di una srl, la cui quota sia stata costituita in pegno, è legittimato a impugnare la delibera dell’assemblea anche nel caso in cui il creditore pignoratizio abbia espresso, in quella sede, voto favorevole.

Nel caso sottoposto al vaglio della Suprema Corte, il socio di una srl aveva impugnato la delibera di approvazione del bilancio per omesso deposito del progetto di bilancio e della relativa documentazione nei quindici giorni antecedenti alla data fissata per l’assemblea di approvazione, ai sensi dell’art. 2429 c.c.

La società e gli altri soci, tuttavia, ritenevano che non sussistesse la sua legittimazione a impugnare la suddetta delibera in quanto, durante l’assemblea, il creditore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU