X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 settembre 2018

Il Caso del Giorno

Con esportazione triangolare, lettera di intento poco conveniente

/ Luca BILANCINI e Emanuele GRECO

Venerdì, 12 gennaio 2018

Può verificarsi l’ipotesi in cui un soggetto passivo stabilito in Italia provveda alla cessione di beni a una controparte nazionale in possesso dello status di “esportatore abituale”, trasferendo direttamente i beni al di fuori della Ue a un secondo cessionario.
L’operazione configura un’esportazione triangolare, in regime di non imponibilità IVA ai sensi dell’art. 8 comma 1 lett. a) del DPR 633/72, ma al contempo il cessionario nazionale si avvale della spendita del plafond, richiedendo l’emissione della fattura in applicazione dell’art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72.

La differenza essenziale tra le due fattispecie consiste nel fatto che, per configurare un’esportazione triangolare, il primo cedente, pur ponendo in essere una cessione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU