X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 settembre 2018

Fisco

Costi inerenti se correlati all’attività in senso ampio

La Suprema Corte si differenzia dal precedente orientamento e sottolinea che è sufficiente che siano correlati potenzialmente o in prospettiva futura

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 12 gennaio 2018

Un costo è inerente e, quindi, deducibile dal reddito d’impresa se è correlato all’attività in concreto esercitata, anche se in via indiretta, potenziale o in proiezione futura, a prescindere dall’utilità e dal vantaggio apportati per il conseguimento di ricavi o di reddito; l’inerenza deve anche essere distinta dalla nozione di congruità del costo. È questo il concetto espresso dalla Cassazione, con l’ordinanza n. 450 depositata ieri.

Apportando un importante contributo al dibattito dottrinale attualmente in corso, i giudici di legittimità, con la pronuncia in commento, hanno stabilito, innanzitutto, e forse per la prima volta in maniera espressa, che il principio di inerenza, a cui spesso si richiama l’Amministrazione finanziaria per disconoscere la deducibilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU