X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 settembre 2018

Impresa

Concordato con transazione fiscale senza cessazione della lite pendente

I contenziosi vertenti sulla pretesa tributaria proseguono fino alla conclusione del giudizio

/ Michele BANA

Martedì, 13 febbraio 2018

L’art. 1, comma 81 della L. 232/2016 ha riformulato l’art 182-ter del RD 267/42, stabilendo che il debitore può prospettare – con il piano di concordato preventivo, esclusivamente mediante la proposta di transazione fiscale – il pagamento, parziale o anche dilazionato, dei tributi e relativi accessori amministrati dalle agenzie fiscali, nonché dei contributi di competenza degli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie e dei relativi accessori.
È, tuttavia, necessario che quanto offerto dall’imprenditore in crisi non sia inferiore alla soddisfazione realizzabile da tali creditori tributari e previdenziali, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o diritti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU